mercoledì, maggio 28, 2008

Grazie a Dio Indy è tornato!

Il 23 Maggio, il giorno della prima, sono finalmente andato a vedere "Indiana Jones & il Regno del Teschio di Cristallo" e citando un episodio della serie avimata TV di "The Critic" diretta da James L. Brooks "Ho riso, ho pianto." by un maniaco depressivo... Che esperienza fantastica!

Il film è splendido. Fantastico. Ero davvero preoccupato dal titolo che non amo ancora oggi (avrei preferito il teaser title non definitivo "Indiana Jones & la Città degli Dei"), incazzato con i media italiani che hanno cercato di spoilerare l'impossibile del film invece di commentarlo semplicemente come avrebbe fatto un giornalista di buon senso (e per questo ho firmato e aderisco alla petizione sugli Spoiler di Indy creato da www.BadTaste.it e sulla deficenza dei Mass Media Italiani, i giornalisti imbecilli di oggi per capirci che trovate qui sotto a SX, NdMM) ma molto molto molto fiducioso in Babbo Spielberg.

Ho letto molto delle opinioni su Indy4 (cavolo mi fà effetto dire così ripensando al videogioco "Indiana Jones & il Destino di Atlantide" della Lucasfilm del 1992) in questi giorni, e parlato con tanti amici al telefono ed è per questo che ho aspettato un pò per scrivere la mia opinione...

Sicuramente molti dei punti che ho letto nei vati commenti letti in giro sono stati scritti sia in buona fede che da gente con il cuore in mano al cinema e che (devo ammettere NdMM) che mi hanno toccato tutti.

Io, dalla mia, invece ho assistito ad un film estremamente divertente, pieno di "Spielberg Touch" quello inconfondibile che ti fà dire "CAZZO è proprio Spielberg!" con gag simpatiche, situazioni comiche e drammatiche degne dei vecchi film, una grossa patina di nostalgia, piccole citazioni sparse per tutto il film che non guastano mai e soddisfano tutti i grandi appassionati e ancora TANTO TANTO TANTO DIVERTIMENTO PURO! Quindi sono rimasto soddisfattissimo.

E' vero certo che si poteva fare di più. Si poteva renderlo ancora di più. Sicuramente, non lo metto in dubbio. Ma poteva anche essere un film di merda che invece non è per niente, eh!

Ad esempio: Harrison Ford non interpreta Indiana Jones vecchio. Harrison Ford è Indy a quasi 70 anni ed è mitico! Shia LaBeouf è un perfetto personaggio spielbergiano (Mutt Williams) che appare e vive nella pellicola con grande fascino e dignitosissimo carisma (non credevo ci sarebbe riuscito, devo essere sincero! NdMM) anche se mi sono divertito moltissimo nella visione di "Transformers" di Micheal Bay.

I cattivi sono macchiettosi ("i russi cattivi") ma carismatici e in perfetto OLD STYLE. Cazzotti da orbi come nei film di Bud Spencer & Terrence Hill e alla fine sembra che nessuno si faccia male: GRANDIOSO! Spade, pistole, stivali e mitraiette... la mitica frusta di Indy schiocca forte.

Ah, poco fà ho letto che IndyIV è stato votato come film con i maggiori errori (i bloopers per capirsi NdMM) dal sito http://www.moviemistakes.com/ della serie: come non gustarsi un film per niente per affannarsi vedere il numero di serie di un serbatoio di un automobile vicino ad un passante... che sfigati cavolo... MA GODETEVI IL FILM VA LA'! Dopo 19 anni lo trattate come uno dei tanti film che si trovano in giro!!!

Potrei continuare a scrivere molto su Indy ma preferirei farlo in un altro momento forse, ora credo che possa bastare oppure credo di non riuscire a dire altro...

Ah, infine se qualcuno vi chiede se siete un Dio voi gli dovete dire SI e se siente al cinema e le luci sono ancora accese quando scorrono i trailers e avete speso di più 7 euro siete autorizzati a spaccare le luci della sala con sassi, cerbottane o proiettili di pistole soft-air (ogni riferimento ad eventi e fatti NON è PURAMENTE CASUALE ma AVVENUTO al 100%)

Ciao a tutti e ancora buon Indiana Jones e GRAZIE tante SPIELBERG!!!
Vostro
MM

P.S. = ... di Lucas ne parleremo poi...

venerdì, maggio 23, 2008

Audiosurf: guidare la propria musica

Audiosurf è un videogioco definibile come una via di mezzo fra un rompicapo e un rhythm-game. È stato rilasciato il 15 febbraio 2008 attraverso la piattaforma di distribuzione Steam; con il gioco è inclusa la colonna sonora dei giochi presenti nella compilation The Orange Box della stessa Valve Corp. in formato mp3. Audiosurf è il primo titolo che sfrutta il pacchetto di sviluppo Steamworks.

Il gioco, di natura astratta, è composto da dei circuiti simili a montagne russe divisi in 3 corsie, che vengono generati (e sincronizzati) a seconda del tempo e dell'intensità di una canzone scelta dall'utente (FANTASTICO!!! NdMM). Nel circuito si devono guidare delle astronavi, con le quali si devono collezionare, toccandoli, dei blocchi colorati. Questi vengono posti (secondo l'ordine in cui vengono raccolti) in una scacchiera posta sotto l'astronave, e quando formano una qualsiasi disposizione di almeno tre blocchi adiacenti dello stesso colore, scompaiono dando al giocatore dei punti; il punteggio finale, che può aumentare ulteriormente tramite dei bonus, può essere messo online insieme a quello di altri giocatori, suddiviso per canzone e difficoltà.

Visualmente il gioco è simile, per molti aspetti, alla serie Wipeout ma molto più... retro e affascinante. Dylan Fitterer, il creatore, si dovrà sentire davvero soddisfatto! Nuovo costa on-line solo 6,65 Euro!!!

In una sola parola: PROVATELO!

Il sito ufficiale è http://www.audio-surf.com/ installate prima lo Steam e poi il gioco, poi... DIVERTITEVI!

martedì, maggio 20, 2008

Il Principe stà sulla scrivania

Se andate sul sito giapponese http://fccafe.fc2web.com/ potrete scaricare un sacco di Paper Craft carinissimi trai quali potrete trovare quello de Il Principe di Katamari Damacy!

Non è un amore!?!? Allora che aspettiamo? Scaricate, stampate e create!

Ciao
MM

venerdì, maggio 16, 2008

martedì, maggio 13, 2008

Corso di Animazione a Tolentino

Per informazioni andate presso il sito del Centro Giovanile Socio culturale di Tolentino http://www.cgsbachelet.org/ e consulatate la pagina del corso tenuto dal sottoscritto e da Paolo Maria Frattesi dal 8 maggio.
Ciao
MM
Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog